Newsletter

DIARIO

informarsi

se cade un albero Sembra la parafrasi di uno scritto di john donne"per chi suona la campana" :qualsiasi fatto che tocca un uomo deve toccare tutta l’umanità Applicato a ciò che è oggi la televisione può sembrare un principio da negare:l’albero cade anche se nessuno lo vede è una verità dogmatica; verità relativa è che la conoscenza del fatto lo rende reale per l’umanità Un appunto da fare è sulla natura della televisione e sulla sua fisionomia attuale di procuratore di conoscenza o di deformatore di conoscenza ma per questo Popper con il suo " cattiva maestra televisione credo abbia già detto tutto
Scritto da Gino alle ore 13:27 il 12 dicembre 2006 - link

dio

si parte dalla stessa convinzione per affermare che dio esiste oppure che dio non esiste. Credere in qualche cosa che non è conoscibile non è possibile per chi dà importanza alla conoscenza.Ma è importante distinguere tra la fede e la religiosità.Uno può non aver fede ma avere una sua religiosità. Il distinguo è importante perche sul suo equivoco si basano tutte le ipocrisie . Personalmente non sento il bisogno di un dio che mi deve aiutare a vivere .Qualche volta sento il bisogno di ringraziare qualcuno per le cose buone e belle che ricevo. E allora ringrazio il dio natura.
Scritto da Gino alle ore 13:00 il 7 dicembre 2006 - link
Archivio del Diario

2003
  settembre
  ottobre
  novembre
  dicembre

2004
  gennaio
  febbraio
  marzo
  maggio
  giugno
  settembre
  ottobre
  dicembre

2005
  gennaio
  febbraio
  aprile
  maggio
  luglio
  ottobre

2006
  marzo
  settembre
  ottobre
  novembre
  dicembre

2007
  gennaio
  aprile
  maggio
  giugno
  novembre

2008
  ottobre

2009
  gennaio
  febbraio
  marzo
  novembre

2011

2012
  dicembre

Visualizza tutti i messaggi
© 2010 Mainstreet